Neem (Melia azadirachta) : l’albero dei miracoli

Neem (Melia azadirachta) : l’albero dei miracoli

Il Neem, da cui deriva il suo olio miracoloso , è un albero della famiglia delle Meliaceae, nativo dell’India e del Myanmar (Birmania). Per secoli gli indiani sono ricorsi a questa pianta per curare varie malattie, dolore e febbre. Con i suoi rami più piccoli, inoltre, molte popolazioni asiatiche si puliscono i denti per via delle proprietà antibatteriche e antivirali. L’olio di Neem è estratto dalle noci dell’albero.

Viene  chiamato “il sollievo dei malati” o anche “l’albero della salute”.

Neem

Ecco le sue proprietà:

  • antinfiammatorie
  • antipiretiche
  • antivirali, inibisce cioè lo sviluppo dei virus diminuendo sensibilmente la probabilità di essere infettati,
  • antiseborroiche,
  • astringenti, contribuisce a rendere solidi i tessuti e gli organi,
  • antielmintiche, la pianta aiuta a distruggere internamente ed esternamente i vermi, i parassiti, funghi e muffe.
Gli usi più comuni del Neem sono: acne, dermatiti, eczemi, emorroidi, funghi, igiene genitale maschile, pidocchi ed irritazioni della pelle in generale.

Ecco i suoi usi :

  • Allergie da contatto: l’uso esterno dell’estratto può abbassare le reazioni allergiche della cute e calmare il prurito.
  • Bruciature e ustioni: stimola la pelle a difendersi da eventuali infezioni e ne agevola la rigenerazione.
  • Eczemi e dermatiti: per una pulizia profonda che ripristina l’elasticità e l’idratazione, allevia rossori e  prurito fastidioso.
  • Emorroidi: spalmando delicatamente 5-10 gocce direttamente sulla zona interessata e facendo assorbire.
  • Psoriasi: il Neem è particolarmente efficace in questo trattamento, durante il quale idrata e protegge la pelle mentre opera per guarire l’irritazione, la desquamazione, le lesioni.
  • Verruche: non bisogna mai rimuoverle, perché contengono un liquido infettivo che contribuisce alla loro propagazione.
Controindicazioni :
Sconsigliato  in caso di ipersensibilità a uno o più componenti.
In gravidanza è in studio la possibilità di aborto in caso di uso prolungato di neem per via interna.
Le foglie per fare il tè non devono essere utilizzate da donne incinte o che cercano di concepire.

Nei bambini sono possibili danni al fegato in caso di massiccio uso di questa sostanza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *